Ambiti d’intervento


Esercito da più di dieci anni la professione di Psicologo-Psicoterapeuta nel mio studio a Bra, dove mi occupo di:

 

EMDR:

L’EMDR è un metodo psicoterapico strutturato che facilita il trattamento di diverse psicopatologie e problemi legati sia ad eventi traumatici, che a esperienze più comuni ma emotivamente stressanti.

E’ un approccio psicoterapico interattivo e standardizzato, scientificamente comprovato da più di 20 studi randomizzati controllati condotti su pazienti traumatizzati e documentato in centinaia di pubblicazioni che ne riportano l’efficacia nel trattamento di numerose psicopatologie inclusi la depressione, l’ansia, le fobie, il lutto acuto, i sintomi somatici e le dipendenze.

La terapia EMDR ha come base teorica il modello AIP (Adaptive Information Processing) che affronta i ricordi non elaborati che possono dare origine a molte disfunzioni. Numerosi studi neurofisiologici hanno documentato i rapidi effetti post-trattamento EMDR.


Terapia individuale:

All’interno dei percorsi di psicoterapia individuale vengono trattati tutti i principali disturbi di tipo psicologico, in modo particolare quelli che, secondo un approccio psicodiagnostico, vengono catalogati come disturbi d’ansia, depressione, disturbi psicosomatici, disturbi della sfera alimentare, problematiche legate all’identità di genere, dipendenze patologiche.

I percorsi di psicoterapia individuale ad orientamento sistemico relazionale sono percorsi relativamente brevi (15-20 sedute in media, ma ovviamente le variabili personali in un lavoro come questo incidono parecchio) e prevedono per il primo mese, in accordo con il paziente, colloqui a cadenza settimanale, per poi passare a una cadenza quindicinale.

Come dico infatti sempre ai miei pazienti, il processo decisionale che porta a chiedere supporto a uno psicologo è spesso lungo e faticoso, ma intrapreso il percorso lo psicoterapeuta rischia sovente di diventare una stampella della quale si pensa erroneamente di non poter fare a meno… invece, affinchè un percorso psicoterapeutico possa dirsi di successo, è fondamentale che prima o poi dello psicologo si possa fare a meno.


Terapia di coppia (eterosessuale e omosessuale):

All’interno dei percorsi di psicoterapia di coppia vengono trattati problemi legati alla sfera sessuale e alla comunicazione, alle situazioni di stallo con cui ogni coppia prima o poi inevitabilmente si confronta, alla sintomatologia (di tipo ansioso, depressivo, legata a stress, insonnia o nervosismo) di uno dei due membri della coppia, a una situazione di conflitto che perdura da tempo.

Nel caso di coppie con figli la psicoterapia di coppia è utile inoltre per affrontare le difficoltà legate all’arrivo di un nuovo membro all’interno del nucleo familiare e per sostenere la coppia nel processo di definizione di un nuovo equilibrio.

Nelle situazioni in cui poi si decide di affrontare una separazione può essere fondamentale per un percorso di mediazione all’interno della coppia, al fine di tutelare il più possibile il benessere dei figli.

Si tratta anche in questo caso di percorsi relativamente brevi (10-15 sedute come media, da concordare ovviamente con la coppia), con cadenza quindicinale.


Counselling psicologico:

Il counseling psicologico è un uso della relazione abile e strutturato che sviluppi l’autoconsapevolezza, l’accettazione delle emozioni, la crescita e le risorse personali, in assenza di un disturbo strutturato.

Il counseling può essere mirato alla definizione e soluzione di problemi specifici, alla presa di decisioni, ad affrontare i momenti di crisi, a confrontarsi con i propri sentimenti ed i propri conflitti interiori o a migliorare le proprie relazioni con gli altri.


Interventi domiciliari

Si tratta di sedute di psicoterapia da svolgere  a casa del paziente in tutte quelle situazioni in cui non è possibile attuare il percorso inverso e canonico: ovvero nel caso di malattie oncologiche, degenerative o invalidanti; gravidanze a rischio, post partum complicati; minori o adulti con disabilità.


Infanzia e adolescenza:

Il processo di presa in carico di situazioni di disagio in età evolutiva e adolescenziale prevede un percorso che, quando possibile, richiede il lavoro di tutti i membri della famiglia per il superamento delle problematiche emerse.

E’ infatti fondamentale, in modo particolare nel caso di disagi legati all’età evolutiva, che ogni membro della famiglia dia il suo fondamentale contributo per la comprensione reale di ciò che il sintomo racconta del bambino e dei contesti vari che egli vive nella sua quotidianità, al fine di ritrovare un equilibrio che forse più che del bambino è di tutti i membri della sua famiglia… e spesso non solo.

Supervisione

E’ di fondamentale importanza, per tutte quelle professioni che comportano nella loro quotidianità la costruzione di un relazione di aiuto, avere momenti di tutela del proprio sè professionale e personale, al fine sia di continuare a svolgere il proprio lavoro con quella giusta distanza che permette di prendersi cura dell’altro senza perdere di vista se stessi sia di tutelare in primis la vita privata degli operatori, conditio sine qua non per essere davvero un buon operatore. E’ possibile richiedere percorsi individuali e di gruppo rivolti a O.S.S., infermieri professionali, fisioterapisti, educatori professionali, etc.